Crisi:Trichet avverte “ci attendono tempi difficili”

Trichet: ci attendono tempi difficili non siamo ancora alla normalità

Jean-Claude Trichet presidente della Banca centrale europea frena gli entusiasmi e avvisa: «Ci attendono tempi difficili, nessuno s´illuda che i mercati siano tornati alla normalità, sarebbe una catastrofe se i governi e le banche non imparassero la lezione della crisì».

Trichet risponde alle più ottimistiche dichiarazioni rilasciate da Ben Bernanke, presidente della Fed, durante il summit annuale sullo stato dell’economia a Jackson Hole, località turistica del Wyoming, dove si sono riuniti in questi giorni i banchieri centrali (per la Banca d’Italia, Mario Draghi).

Le vendite di case a luglio negli Stati Uniti sono aumentate del 7,3%, ma anche sequestri e pignoramenti nel secondo trimestre 2009 sono cresciuti del 13%.

Le vendite al consumo a luglio sono state fiacche e deludenti e si è registrato un rimbalzo nel numero di nuovi disoccupati.

Continuano a fallire le banche di dimensioni medio-piccole – a tal punto che la federal deposit insurance corporation incaricata di salvarle ha quasi esaurito i fondi statali a sua disposizione.

Anche Bernanke intervistato nello stesso summit non ha nascosto gli elementi negativi che permangono.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in BCE, Crisi Mondiale, Economia, Politica. Contrassegna il permalink.