Crisi: allarme della Cgil che vede nero “1 milione di disoccupati in più”

Cgil: 1 milione di disoccupati in più

Da un lato ci sono i banchieri centrali che nella riunione di Jackson Hole hanno mandano messaggi di ottimismo.

Dall’altra i segnali contraddittori, se non negativi, che ancora si accumulano sui tavoli degli addetti ai lavori.

Due esempi su tutti: il continuo fallimento delle banche americane, le stime della Cgil sull’andamento dell’occupazione in autunno e nel 2010.

L’ufficio studi del sindacato è pessimista, ( come dargli torto con una dinamica negativa del Pil a  -6% nel 2009, e con le banche che elemosinano il credito alle PMI) , dal 6,3% della popolazione attiva, la Cgil stima la disoccupazione in Italia al 9,4% entro la fine di quest’anno e al 10,3% entro la prima metà del 2010.

In termini assoluti significa fra ottocentomila e un milione di disoccupati nei prossimi dodici mesi.

E’ quanto afferma Agostino Megale responsabile responsabile delle Politiche Macroeconomiche dell’IRES CGIL.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Crisi Mondiale, Economia, Lavoro, Politica, Welfar. Contrassegna il permalink.