Crisi:Italia disoccupazione record sale all’8%

Grafico nostra elaborazione su dati Istat.

Istat, a ottobre i disoccupati oltre quota due milioni

La disoccupazione schizza a livelli record, con il numero dei senza lavoro che a ottobre, per la prima volta dal marzo del 2004, sfonda la soglia dei 2 milioni.

A ottobre – comunica l’Istat – il tasso di disoccupazione è salito all’8% dal 7,8% di settembre (più un punto percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno scorso), raggiungendo il valore massimo dal novembre del 2004. Il numero delle persone in cerca di lavoro è quindi 2.004.000, in aumento del 2% (+39mila persone) rispetto a settembre e del 13,4% (+236mila) su base annua.

Il tasso di disoccupazione giovanile – aggiunge l’istituto di statistica – a ottobre è aumentato al 26,9% dal 26,2% di settembre, con una crescita del 4,5 punti percentuali rispetto a ottobre dell’anno scorso.

I dati non tengono conto della Cassa Integrazione spesso anticamera della disoccupazione.

La risposta del ministro Scaiola sui dati ISTAT che riguardano la disoccupazione.

Per il ministro dello Sviluppo economico «iIl dato sulla disoccupazione di ottobre reso noto oggi dall’Istat è comunque molto meglio della media europea e degli altri Paesi»: così ha detto a margine di un convegno a Roma.«È la crisi economica che si trasferisce sulla disoccupazione», ha aggiunto Scajola. Comunque, ha concluso il ministro, «teniamo meglio noi».

In Germania, il tasso grezzo di disoccupazione si é attestato a novembre al 7,6% della popolazione attiva contro il 7,7% del mese precedente.
Lo rende noto l’ufficio del Lavoro. I dati destagionalizzati mostrano un calo dei disoccupati di 7mila unità a 3,422 milioni, con un tasso di disoccupazione dell’8,1%.

Approfondimenti:

Nota Mensile ISTAT

La crisi è finita. E i disoccupati? di Massimo Giannini

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Crisi Mondiale, Economia, ISTAT. Contrassegna il permalink.