Crisi: Quali bolle nei mercati?

Bond, materie prime e news Quali le bolle nei mercati.

Il Sole24ore.com, senza alcuna pretesa di completezza, ha chiesto il parere di alcuni esperti .

JIM ROGERS: «Il rischio è sui titoli governativi Usa». MARC FABER: «L’oro, al netto dell’inflazione, non è sui massimi». ALESSANDRO FUGNOLI: «L’Asia, casa delle bolle, è meno pericolosa di qualche anno fa»

Jim Rogers, uno dei grandi investitori di Wall Street,

Dove le attuali bolle?
«L’eccesso di liquidità, immessa nel sistema per salvare i mercati – dice Jim Rogers, uno dei grandi investitori di Wall Street, raggiunto al telefono negli Usa -, può creare la bolla. Un pericolo che esiste nel mercato delle obbligazioni governative americane». Vale a dire? «Lì c’è una “new bubble”. A fronte di una montagna di debito emesso dal governo, e del possibile ritorno dell’inflazione, trovo assurdo che ci sia qualcuno disposto a comprare Treasury trentennali in dollari con interessi tra il 3 e il 6 per cento». I prezzi, insomma, sarebbero troppo alti e di conseguenza i loro yield troppo bassi. «Gli speculatori li hanno «messi nel mirino – dice Rogers- , mantenendo le quotazioni elevate. Quando, in realtà, valgono poco o niente». Prima o poi la bolla scoppierà, arriveranno le vendite «e i prezzi dei bond dovranno scendere». Con il rischio di lasciare il cerino in mano ai loro possessori.

Proprio giovedì scorso, la differenza tra i rendimenti del Treasury biennale e quello a 30 anni ha raggiunto i 368 basis point (3,68%), un gap che non si vedeva dal 1992. Secondo diversi operatori, sta accadendo che gli investitori cominciano a credere nella ripresa, seppure debole. Un’ipotesi che porta con sé un duplice corollario: possibile rialzo dei tassi, attualmente a zero, e ritorno dell’ inflazione. In questo caso, il rendimento offerto dall’attuale emissione trentennale è, in previsione, troppo basso. Giocoforza, si vendono i bond; le loro quotazioni scendono e il loro yield sale. L’analisi non coincide con quella di Rogers: ma il segnale di attenzione su bond governativi Usa, quello è identico.

Continua a leggere l’articolo sul sole24ore.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Crisi Mondiale, Economia. Contrassegna il permalink.