Crisi:Appello di Trichet per la riduzione del deficit e della disoccupazione.

Appello di Trichet per la riduzione del deficit.

“In Europa e nel mondo, dobbiamo imparare dalla crisi finanziaria a rendere il sistema finanziario più resistente”, ha aggiunto.

“Per difendere la fiducia nelle finanze degli Stati, i disavanzi di bilancio della zona euro dovranno essere ridotti al più tardi nel 2011 e in alcuni paesi dal 2010”, questa l’esortazione di Jean-Claude Trichet in un articolo pubblicato dal “Bild am Sonntag”.

La Grecia, che è con altri 15 paesi dell’Unione europea – tra cui la Germania – parte della zona euro, è stato sanzionata dalle agenzie di rating per l’entità del suo deficit di bilancio e per il suo debito.

Il deterioramento delle sue note sulla sua capacità di rimborsare i suoi prestiti ha fatto piombare il tasso di cambio della moneta unica e scosso i mercati azionari europei a metà dicembre.

Atene, di recente, ha raddoppiato le previsioni ufficiali del deficit che ora è stimato al 12,7% del PIL quest’anno. Altri paesi hanno visto il loro disavanzo aumentare con la crisi.

Berlino deve presentare da qui al mese di luglio una serie di misure volte a ridurre il deficit pubblico a partire dal 2011.

Trichet ha aggiunto che per uscire dalla crisi finanziaria è necessario uno sforzo concertato per affrontare il problema della disoccupazione.

«Le banche devono adempiere il loro ruolo centrale nel fornire credito all’economia… – ha detto il capo della Bce – Affrontare le conseguenze della crisi per il mercato del lavoro e le finanze pubbliche costituisce una sfida in più».

Approfondimenti:

L’Europa e la spada di Damocle del debito a scadenza 2010

Sabatini: nuovo patto tra banche e imprese

La Bce ritirera’ le misure straordinarie di sostegno al sistema

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Crisi Mondiale, Economia, Unione Europea. Contrassegna il permalink.