Crisi: Ma che succede?

Grafico e tabella nostra elaborazione su dati Istat

MA CHE’ SUCCEDE?

Sembra che Fini chieda a Berlusconi di chiudere i conflitti…… ( leggi l’articolo)

Nel frattempo l’istat oggi è uscita con i dati di maggio sull’occupazione nell’industria

dove emerge:

– a Maggio i dipendenti al netto della CIG segnano -5 punti sul 2007 le ore lavorate segnano + 3.3 punti sul 2007.

L’impressione è che: invece di rientrare l’occupazione, le imprese si assestano sul recupero della produzione usando la CIG come strumento di  flessibilità per razionalizzare il sistema produttivo.

Questo da una parte aumenta la competitività, ma dall’altra non è propedeutico al rientro dei lavoratori nel sistema , con evidente decurtazione del salario.

Su base annua a Maggio l’occupazione al lordo cig segna un -1,8%.

Nel frattempo la Fiat manda a dire che la newco di Pomigliano,è fuori da Confindustria.Disdetti accordi su monte ore e permessi

Consiglio di leggere L.Gallino su Repubblica di oggi.

Nella speranza che un giorno anche nelle assemblee del PD si faccia una seria riflessione fra capitalisti storici e nuovi capitalisti globali. E’ chiaro che una volta fatta la distinzione è difficile poi dire che il Governo Cinese è un governo progressista, come sarà difficile se non imbarazzante invitare i banchieri facendoli passare per riformisti e eticamente responsabili, anche quando rifilavano i bond parmalat alle nostre nonne che erano ignare del rischi intrinseco nel passaggio fra titoli di stato e azioni di aziende private. Figuriamoci se potevano addentrarsi nell’ingegneria finanziaria all’italiana. Che poi detto fra di noi sono i soliti banchieri che hanno riempito di derivati i nostri Comuni.

Visto che siamo un partito in progress, magari se qualcuno intanto definisce l’aggettivo progressista e riformista, sarebbe già un bel passo avanti per una definizione condivisa e non ambigua.

I rischi del Lingotto di LUCIANO GALLINO

Fonte grafico: centro studi Confindustria

Approfondimenti:

Banca D’Italia:

Indagine sulle imprese industriali e dei servizi Anno di riferimento 2009

Il mercato del lavoro italiano durante la crisi

L’economia delle regioni italiane

Il Mezzogiorno e la politica economica dell’Italia

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Banca D'Italia, Crisi Mondiale, Economia, Impresa, ISTAT, Lavoro, Politica, Rapporti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...