Vincenzo Visco è distante dalla realtà delle cose.

Tagliare la spesa della Pa? Serve un piano industriale di Vincenzo Visco

******

Quello che non dovrebbe mai fare la sinistra ma sopratutto un ex docente di economia è scrivere quello che oggi ha scritto V.Visco sul sole24ore.

Perchè?

V.Visco afferma:

a) la spesa per consumi e investimenti pubblici è oggi (2008) delle stesse dimensioni che nel 1980 (26% circa del Pil, 22% circa i consumi pubblici) il che significa che negli ultimi 30 anni le risorse destinate ai servizi pubblici non sono aumentate.

b) Le imposte non rappresentano una quota elevatissima del Pil: 29%, ma dal 1980 sono cresciute di ben 12 punti percentuali, di cui oltre la metà è oggi destinata ad altre e diverse utilizzazioni rispetto al finanziamento dei servizi pubblici. Ciò conferma la sensazione dei contribuenti di pagare troppe tasse rispetto ai servizi ricevuti in cambio.

c) Il peso elevato degli interessi passivi sul bilancio pubblico è una costante per tutto il periodo.

d) Il saldo del settore previdenziale passa da +2 a quasi -4 punti percentuali di Pil, soprattutto a causa dell’aumento della spesa pensionistica, mentre i contributi sociali sono rimasti pressoché costanti al 12-13% del Pil.

Riflessione:

a) Le percentuali ingannano, in 30 anni il PIL è aumentato di poco ma è aumentato segno evidente che anche il montante economico della spesa della PA è aumentato.NEL FRATTEMPO C’E’ STATA TANGENTOPOLI, IL CHE NON E’ DETTO CHE LA P.A. SIA ANCORA OGGETTO DI RUBERIE MA DI SICURO RUBANO MENO DI PRIMA, TRADOTTO I RISPARMI DA DOPO TANGENTOPOLI SE LA % SUL PIL E’ RIMASTA INALTERATA VUOL DIRE CHE SI SONO TRASFORMATI IN SPESA SONANTE E BALLANTE. Del resto mi domando come potrebbe non essere così visto che gli stipendi dei dirigenti e impiegati pubblici sono aumentati negli ultimi 30 anni il doppio rispetto a quelli del settore privato.

b) le imposte in Italia sono oltrte il 50% del reddito ( Iva esclusa) se le sembrano poche Dott.Visco veda lei. I servizi fanno schifo se paragonati a quelli di altri paesi Europei con uguale pressione fiscale.

C) sulla costante evita di dire cosa intende per costante….una cosa è certa il servizio sul debito dovrebbe essere diminuito a causa del basso costo del denaro negli ultimi 15 anni rispetto agli anni precedenti.E’ evidente che il risparmio sugli interessi non ha contribuito alla riduzione del debito a causa dei disavanzi,ma ha creato l’illusione monetaria che si fosse sempre vicini al pareggio di bilancio.

d) qui stendiamo un velo pietoso, a fronte di un basso tasso di disoccupazione, i versamenti previdenziali non coprono la spesa specifica, segno evidente di un paese che invecchia con buone pensioni e una generazione di occupati a mezzo servizio con cattivi salari, per pagare la pensione a un pensionato ci vogliono quattro precari.

In Conclusione:

a) Sono d’accordo con lei che occorre un piano industriale per L’italia,ma il piano industriale deve servire per creare la piena e buona occupazione.

b) Dissento sul fatto che la P.A. Italiana sia un esempio di efficenza e razzionalità della spesa. Per fare in modo che le tasse non siano viste come un soppruso, ma quello che dovrebbero essere,il giusto contributo per il mantenimento del nostro bene comune (il vivere sociale), occorre una P.A. efficente e che costi il giusto se comparato agli standard dei maggiori paesi Europei, una P.A. che non sia sprecona e generosa nell’ elargire privilegi e prebende.

Tanto mi sentivo di doverle contestare Keynesiano.

Tabella Completa Pressione Fiscale nella UE dal 1995 al 2009

Post correlati:

Crisi:Italia, sale la pressione fiscale. Diminuiscono le entrate. Esplode il debito pubblico.

Approfondimenti:

ISTAT: Conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche SEC95 – Anni 1980-2009

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Opinioni, Politica, Rassegna Stampa. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...