Crisi: Super Mario da lezioni di neoliberismo dei noialtri

Ieri a Matrix Il ministro Prof.Mario Monti ha fatto questa affermazione:“i giovani devono abituarsi all’idea che non avranno un posto fisso per tutta la vita. E poi, diciamolo, che monotonia”.

Oggi sulle pagine dei quotidiani leggiamo le affermazioni del ministro Fornero “Riforma si farà con o senza dialogo”.

Sempre più spesso gli opinionisti dei vari quotidiani affermano che i partiti appoggiano il governo perché deve fare il lavoro “sporco”, tradotto: deve fare quello che secondo loro è necessario, ma che loro non possono fare altrimenti perderebbero consensi elettorali per l’effetto delle  iniziative che vanno contro gli interessi degli elettori (i cittadini). Insomma partiti sempre più distanti dalle esigenze della base elettorale che congelano la politica in nome dell’interesse nazionale.

Uno storico Ateinese affermava: ” gli uomini sono la città, non le mura ne le navi vuote di uomini”, con questa affermazione Tucidide consacrava la politica e l’agire politico non nell’interesse astratto di una città (oggi nazione), ma l’agire politico doveva essere la sintesi dell’interesse concreto della Polis dove ognuno trovava la propria realizzazione nella partecipazione alla vita collettiva e nella costruzione del bene comune, solo cosi si creava quel collante politico che è essenziale in democrazia fra cittadini e politica che agisce tramite i politici (le istituzioni democratiche che guardano ai molti e non ai pochi). Nell’agorà Ateinese le affermazioni di M.Monti sarebbero state prese come una dichiarazione di volontà politica in contrasto con il bene comune ( la Polis) e di conseguenza sarebbe stato ostracizzato.

Oggi purtroppo non esiste più la politica intesa come interesse di quell’unicum che è la Polis e i suoi cittadini, ci dobbiamo accontentare delle prediche (quelle si spesso inutili) dei politici, che invertendo i ruoli e fanno i Prof. riprendendo il presunto scolaro di 69 anni, con queste affermazioni: “Il posto fisso diventa monotono quando uno ce l’ha, e ti puoi guardare intorno. Quando non ce l’hai è desiderabile”. Lo ha detto il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, commentando le parole di Mario Monti.

Il “miracoli” del Prof. Mario Monti.
Il “miracolo” di super Mario Monti si chaima: quantitative easing, una strategia politica monetaria non convenzionale (ossia “ad hoc”) usata dalle banche centrali per creare moneta e acquistare titoli di stato e obbligazioni sul mercato.La Banca Centrale Europea ha comunicato il 2 /01/2012 di aver acquistato nella settimana precedente titoli di Stato per €462 milioni. e nella settimana terminata il 23 dicembre 2011 l’istituto di Francoforte aveva acquistato titoli di Stato per soli €19 milioni.La BCE era tornata all’inizio di agosto ad essere attiva sul mercato delle obbligazioni governative dopo 19 settimane di pausa per allentare la pressione sull’Italia e sulla Spagna. Dall’inizio del programma di acquisto di titoli di Stato nel 2010 la BCE ha speso complessivamente circa €211,5 miliardi.Mario Draghi in qualità di governatore della BCE ha di recente più volte indicato che il sostegno dell’Eurotower al mercato obbligazionario non durerà in eterno. E’ di oggi la notizia che l’Eurogruppo ha dato il via libera al Fondo salva Stati. Firmato il Trattato che garantisce 500 miliardi di euro al nuovo strumento di soccorso ai Paesi dell’Eurozona

Dopo l’annuncio del vero strumento che occorreva per calmare gli speculatori ( convenzionalmente chiamati mercati) come reagiscono i mercati?

Btp-Bund, lo spread sotto i 380 punti.Il Btp a 2 anni rende meno del 3%

Merito del Prof.Mario Monti?

Economia reale.

La BCE a dicembre 2011 ha varato un maxi prestito a lungo termine di circa 489 miliardi di euro al tasso dell’1% e una’altro maxi prestito è previsto per febbraio 2012.
Per cittadini e imprese c’è scarsa prova che i soldi prestati dalla BCE stiano andando all’economia reale, infatti i depositi overnight delle banche presso la BCE dopo il maxi prestito da 500 miliardi di euro ammontava a 528 miliardi di euro (da qualche giorno è stazionario intorno ai 488 miliardi di euro).

Come risolverà il problema dell’economia reale il governo dei tecnici?
Considerato che non c’è nulla di nuovo sotto il sole dal punto di vista della teoria economica, non dovrebbero esserci dubbi visto le affermazioni di chiaro stampo neoliberale. Insomma un pò come quelle affermazioni dei leader del Tea Party Americano che danno la colpa ad Obama per i danni che hanno fatto loro perseverando nelle loro ideologie anarcoliberiste praticate in America negli ultimi 20 anni, giustappunto le idee che ci hanno regalato la più grave crisi economica a livello mondiale dopo quella del 1929, con l’aggravante che dopo la crisi del 29 la politica ha creato lavoro e ricchezza nazionale, nella crisi del 2008 la politica  persiste nel creare   ricchezza per pochi e precariato per molti .

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in BCE, Crisi Mondiale, Democrazia, Economia, Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...