Monti prende lezioni di liberismo dai Cinesi

Mario Monti e il premier cinese Wen Jiabao

Fonte:Il sole24ore

PECHINO – Nella saletta al 16° piano dell’Hotel Kempinski, al riparo da sabbia e smog che spazzano le vie di Pechino, Low Jiwei, presidente del China investement Corporation (Cic) quinto fondo sovrano più grande del mondo, passa ad elencare davanti al presidente del Consiglio italiano, gli elementi che avevano sconsigliato, nel settembre del 2011, di investire in Italia. Cita, oltre all’alto debito e all’evasione fiscale, anche la rigidità del mercato del lavoro. Mario Monti si gira verso i suoi collaboratori e, con un mezzo sorriso, dice: «Se in Italia lo sapessero..». Continua a leggere l’articolo sul sole24ore.

Chi pensava che Mario Monti fosse l’equivalente di Luigi Enaudi si dovrà ricredere.

Purtroppo per noi siamo ben lontani anche da una posizione riformista come quella di Obama basta leggere questo articolo di Paul Krugman “I direttori di hedge fund guardati male da Obama“.

In una società spenta intellettualmente la politica vivacchia alla deriva del pensiero precedente, chi ha voluto il governo dei tecnici,quello dei liberali “de noaltri” che si gigiola per i complimenti di un dittatore in cravatta perchè di questo che si tratta se parliamo di governo Cinese. I liberali che sperano di essere aiutati da un governo dirigista, neanche sanno che cos’è il pensiero liberale.

Mentre il PD afferma di guardare al lavoro, Monti che prende sul serio queste affermazioni si è diretto subito a studiare un modello eccellente a cui si deve ispirare chi guarda al “mercato” e agli spread.

Cosa ci aspetta?

Semplice 60 ore settimanali e circa 300 euro al mese di stipendio.

Questo è quello che percepiscono i lavoratori cinesi che vengono trattati come schiavi.

Fonte:Repubblica.it

Svolta nella fabbrica degli schiavi dopo la visita del manager Apple.
La Foxconn riconosce le violazioni dei diritti dei lavoratori dopo un’inchiesta della Fair Labor Association e un’impressionante catena di suicidi e incidenti sul lavoro. Decisivo l’intervento del successore di Jobs, Tim Cook, che è andato di persona nell’impianto di Zhengzhou. Continua a leggere l’articolo

Ma che bel Riformismo di sinistra!

Approfondimenti.

Monti alla Cina: “Investite da noi meglio più tasse che finire come la Grecia”

La Crisi Italiana non è un problema,arrivano i soldi Cinesi.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Crisi Mondiale, Democrazia, Economia, Lavoro. Contrassegna il permalink.