Crisi:Se il PD avvalla “cose note e già viste”

Grafico libro Krugman “Fuori da questa crisi,adesso!” pag.62

Nel suo ultimo saggio “Fuori da questa crisi,adesso!” Paul Krugman a pag.62 mostra questo grafico che rappresenta il livello di debito delle famiglie Americane dal 1916 al 2006 Krugman riporta anche una sovrapposizione temporale dovuta a una revisione statistica dei dati. Il grafico mette in evidenza alcune correlazioni di lungo periodo. Ma lasciamo la parola a Krugman.
“Si tratta di un andamento oltremodo rilevatore. La fortissima impennata del rapporto debito/PIL che si riscontra tra il 29 e il 33 è dovuta alla deflazione da debito teorizzata da Fischer: il debito non cresceva,il PIL calava e gli sforzi dei debitori per ridurre le proprie esposizioni causarono una combinazione perversa di depressione e deflazione che acui ulteriormente i loro problemi.La ripresa che si verificò nel periodo del New Deal,benchè imperfetta, riporto il rapporto di indebitamento più o meno al punto di partenza. Poi arrivo la guerra (…). Alla fine della guerra il debito privato era molto basso rispetto al reddito e questo consentì una forte ripresa  della domanda privata (…) Molti economisti e imprenditori si aspettavano che l’America tornasse a scivolare nella depressione. Ci fu invece un grande boom della spesa privata, concentrato particolarmente sugli acquisti di case, che fece girare l’economia fin quando la grande depressione non fini nel dimenticatoio.” Il resto è noto il reganismo ha affascinato i progressiti che con Clinton hanno abolito le regole che separavano le banche commerciali da quelle di Merchant Bank spianando la strada agli appetiti dei banchieri sciacalli di Wall Street quell’1% di ricchi che hanno depauperato la ricchezza sociale. Ma torniamo a Krugman. Nel suo libro ricorre spesso questo ritornello “La mia spesa è il tuo reddito, la tua spesa è il mio reddito” e questo mette in evidenza che la crescita economica si basa sulla domanda.

Grafici libro Krugman “Fuori da questa crisi,adesso!” pag.90

Ma chi pilota la domanda? Come si è evoluta la distribuzione del reddito?

Nel grafico superiore ( quello con due linee a pag.90), Krugman riporta l’evoluzione del reddito medio delle famiglie statunitensi dal 1947 al 2005 il reddito è equiparato al valore in $ del 2010, in sintesi è il totale del reddito delle famiglie diviso per il numero delle famiglie.Come potete vedere la linea più chiara aumenta sensibilmente dal 1947 al 1980 periodo in cui il reddito medio delle famiglie passa da 30.000$ a 60.000 $ dal 1980 al 2005 il reddito medio passa da 60.000 $ a 80.000$. La seconda linea ( quella più scura) è il reddito mediano delle famiglie quello dove si concentra quasi la metà della popolazione,il reddito dal 1947 al 1980 il reddito mediano delle famiglie passa da 28.000$ a 50.000 $ e dal 1980 al 2005 passa da 50.000 $ a 60.000$.

Il secondo grafico, rappresenta l’andamento del reddito dell’1% delle famiglie americane quelle più ricche, quell’1% reso famoso dal movimento Occupy  Wall Street, la crescita dal 1947 al 1980 è stabile intorno ai 500.000 $ ma dal 1980 al 2005 si passa da 500.000$ a 2.400.000$ un bel balzo che è dovuto alla deregolamentazione del sistema bancario avvenuta in quelli anni grazie al Presidente Repubblicano  R. Regan e a quello Democratico B.Clinton. L’aumento della finanza speculativa,ha truffato il mondo sottraendo risorse all’economia reale. Insomma: come scriveva nel 2004 J.K.Galbraith è “L’economia della truffa“. E non è un caso che il Prof. Monti faccia visita ai truffatori che si riuniscono a A Sun Valley per tranquillizzarli su cosa farà l’Italia.

Il valore dei derivati finanziari (carta) sono 10 volte superiori al valore del PIL mondiale (l’economia reale).

In quelle stesse ore il Presidente Francese Hollande affermava: “no al pareggio di bilancio in costituzione”.

COSA CI ASPETTA SENZA UN CAMBIO DI PARADIGMA?

Keynes sosteneva che: l’economia poteva rimanere in una fase stagnante anche per lunghi periodi a causa della “trappola di liquidità” e questo poteva accadere anche se nel sistema vi era una abbondanza di ricchezza.

Il popolo Spagnolo viene piegato con la forza come quello Greco in nome del rigore imposto dai mercati.CON CHI STA REALMENTE IL PD SENZA TANTE CHIACCHIERE INUTILI? MENTREHOLLANDE E’ CHIARO IN MERITO!

Manifesto del 2010 (ne ha di pazienza visto l’andamento della disoccupazione)

Non è sufficiente passare al rosso bordò sui manifesti per essere di CS. Coerenza politica vuole che il CS sia in contrasto con le idee politiche dell’avversario. Mario Monti è e rimarrà un uomo di destra.La sua agenda politica è ideologica perché guarda alle istanze del mercato finanziario facendo gli interessi dell’1% di super-miliardari ed è per questo che è antidemocratica e non crede alla concertazione. Monti è peggio di Berlusconi e di questo se ne sono accorti anche i mercati, lo spread come misuratore della capacità politica (criterio voluto dal CS) è sempre li a dimostrarlo,e,visto il metro politico usato oggi, Berlusconi si sente in dovere di affermare: che non era colpa sua e quindi si sente legittimato a una nuova stagione politica.

SOLO I VARI BERSANI E D’ALEMA CON NIPOTINI AL SEGUITO, NON SI SONO ACCORTI DEL BEL CAPPOTTINO CHE GLI STA CONFEZIONANDO IL PROF. MONTI. MA SI SA’ E’ COSA NOTA, CHE PER LORO E’ UN FATTO POLITICAMENTE NORMALE CHE QUALCHE BANCHIERE O PROFESSORE SIA PRONTO A SOFFIARGLI IL NASO, PRENDENDOLI PER IL NASO.

Vista la realtà, bisogna ammettere che l’aria in casa nostra sta diventando veramente irrespirabile, senza una forte e chiara azione politica di contrasto alle attuali misure adottate dal governo e in netto contrasto ai dettami della Merkel, non sarà sufficiente la solita tura nasale alle prossime elezioni.

Approfondimenti:

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Crisi Mondiale, Economia, Lavoro, Libri, Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...